Diritto Bancario: migliorare la redditività finanziaria dell’azienda

Lo Studio Legale Rondinelli, nella figura del fondatore dello studio, l’Avvocato Michele Rondinelli ha raggiunto un altro importante risultato sul Tribunale di Genova, in materia di Diritto Bancario con la Sentenza n. 3668/2016 pubblicata il 03/12/2016 RG n. 10783/2013 Repert. n. 3179/2016 del 05/12/2016

Il dispositivo finale della Sentenza n. 3668/2016 pubblicata il 03/12/2016
Il Tribunale di Genova, nella figura della Dott.ssa Francesca Lippi, ha disposto queste decisioni finali:
“Dichiara tenuta e condanna la Banca XXX a corrispondere a Cliente XXX titolare della impresa individuale Ditta XXX la somma di € 45.497,78, oltre interessi legali ex art. 1284 c.c. dalla domanda al saldo.
Dichiara tenuta e condanna Banca XXX a rifondere a Cliente XXX titolare della impresa individuale Ditta XXX le spese del giudizio che liquida in € 4.487,00 per compenso e € 458,00 per esborsi, oltre accessori di legge, in favore del legale antistatario.
Pone le spese di CTU già liquidate in atti a carico del Banca XXX.”

Diritto Bancario, un accurato e professionale controllo sui conti correnti della vostra azienda migliora l’abbattimento degli oneri fiscali, in questo modo si ottiene una migliore redditività finanziaria

Nel caso di specie, questo cliente si è rivolto al nostro Avvocato Michele Rondinelli lamentando un eccessivo esborso in termini di interessi passivi pagati sul proprio conto corrente aziendale.
Lo Studio Legale Rondinelli attraverso una dettagliata e professionale analisi di tutti i documenti forniti dal cliente ha determinato che questo conto corrente aziendale era stato aperto più di 15 anni prima, quando ancora non era stata legittimata la trimestralizzazione degli interessi passivi.

L’importanza di un controllo contabile sui documenti relativi ai conti correnti e la riclassificazione di tutti i movimenti, quello che costituisce una perizia tecnico contabile

Grazie all’attenta analisi dell’Avvocato Michele Rondinelli si è potuto provvedere ad adottare una strategia particolareggiata per far valere le ragioni in diritto a tutela di questa azienda.
Quindi in concerto con il cliente è stata redatta una perizia tecnico contabile che ha ricostruito tutta la movimentazione dei saldi giornalieri del conto corrente tenendo conto delle pattuizioni contrattuali che si sono sviluppate durante il rapporto commerciale banca/cliente.
Il risultato di questa perizia tecnico contabile, chiamata tecnicamente CTP (Consulenza Tecnica di Parte) ha poi dato modo all’Avvocato Michele Rondinelli di poter redigere un atto con le seguenti richieste:
• rideterminazione del saldo del conto corrente
• depurazione dal conto corrente di tutti gli addebiti illegittimi
• richiedere al Giudice la condanna dell’Istituto bancario alla restituzione delle somme indebitamente percepite
• contestare l’illegittimità della capitalizzazione trimestrale degli interessi passivi
• richiedere la nullità della clausola contrattuale anatocistica
• contestare l’illegittimità dell’applicazione dalla commissione di massimo scoperto

Come si è svolta la causa presso il Tribunale di Genova

Quando si arriva in un qualsiasi Tribunale con una documentazione organizzata e puntuale come quella presentata dal nostro Studio Legale Rondinelli, il Giudice può disporre alla nomina a sua volta un’altra perizia tecnico contabile affidata ad un terzo soggetto fiduciario del Giudice e regolarmente iscritto tra i professionisti abilitati a lavorare presso i Tribunali, in questo caso tecnicamente questa figura viene chiama Consulenza Tecnica d’Ufficio (in breve CTU).
In questa causa il Giudice ha nominato il CTU al fine di controllare l’operato del lavoro svolto dai Consulenti Tecnici di Parte (detti CTP) e alla fine del suo accertamento il risultato è stato quello esposto proprio in questa Sentenza, l’azienda tutelata dall’Avvocato Michele Rondinelli vanta un credito pari a €45.497,78 e la banca è stata così condannata a risarcire l’azienda sia delle somme prelevate illecitamente, ma anche degli interessi ed è stata condannata a risarcire il cliente delle spese legali sostenute per far valere le proprie ragioni.

Diritto Bancario, conti correnti aziendali

In un momento storico/economico così difficile come quello che stiamo vivendo in questi anni è un preciso dovere di tutti i capitani d’industria, grande o piccola che sia, tenere sotto stretto controllo e ben monitorati tutti gli oneri finanziari che gravano sui propri conti correnti, il recupero degli importi che possono essere stati illegittimamente prelevati dagli Istituti di Credito permette di recuperare le somme anche per fare nuovi investimenti e quindi permette un’economia più in linea con il diritto e in crescita.

Il consiglio dell’Avvocato Michele Rondinelli

Tema: Conti Correnti aziende archiviazione e conservazione dei documenti
“Consiglio sempre ai miei clienti di conservare tutti i documenti relativi al rapporto commerciale tra banca e cliente, è importante che il cliente conservi tutti i contratti, tutti gli estratti conto comprensivi di quelli con gli scalari e tutta la corrispondenza, di organizzare bene i documenti divisi per anni e conservarli, sono gli strumenti principe per poter disporre un controllo contabile finanziario”

0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*